Grazie a Redis e Memcached, da poco arrivati ​​su IlTuoSpazioWeb, potrai migliorare in maniera significativa le performance del tuo sito.

Questi strumenti, infatti, consentono di memorizzare nella cache i risultati del database, riducendo in tal modo i tempi di rendering di WordPress; ciò significa che alcune query vengono archiviate nella memoria veloce del server invece di essere ripescate dal database MySQL.

Redis e Memcached

Scopriamo nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere su questi innovativi tool!

hosting condiviso

In primo luogo va detto che Redis e Memcached sono dei potenti e veloci sistemi di archiviazione dati, che sfruttano le potenzialità della cache (sono denominati, infatti, anche sistemi di caching).

Essi, in altri termini, permettono di ridurre il carico sui server database e di ottimizzare di conseguenza le prestazioni del sito.

Non solo Redis e Memcached sono estremamente efficaci, ma sono anche facili da implementare. Ricordiamo che essi sono compatibili la maggior parte dei CMS Open source, come WordPress, Drupal, Joomla, CraftCMS, Magento, Prestashop.

Per i clienti de IlTuoSpazioWeb i tool Redis e Memcached sono integrati nel cPanel: ciò significa che essi risultano già installati e configurati.

Ne consegue che all’utente non resterà che attivarli o disattivarli in pochi e semplici passaggi.

Davvero un gioco da ragazzi!

Quali spazi web comprendono Redis e Memcached?

Redis e Memcached sono compresi nei nostri spazi web semidedicati per i spazi web condivisi UK  è richiesto un supplemento di prezzoLa possibilità di fruire di questi potenti tool con un semplice click rappresenta una vera e propria novità nel settore hosting. Perché non approfittarne subito?

Qual è la differenza tra Redis e Memcached?

Leggi anche:  Offerta speciale di Halloween!

Prima di parlare delle differenze tra i due tool, è bene soffermarci sui punti comuni:

  1. si tratta in entrambi i casi di software open source
  2. sono entrambi sistemi NoSQL
  3. entrambi memorizzano i dati nella memoria ram
  4. sono entrambi utilizzati per l’attività di caching

Veniamo alle differenze: Redis è più recente rispetto a Memcached, ha molte più funzioni e lavora decisamente meglio nell’attività di caching.

D’altra parte va anche rilevato che mentre Redis seleziona i dati da cancellare servendosi di criteri di qualità, Memcached si basa su un algoritmo di cancellazione che tende a rimuovere i dati “più vecchi” e non quelli meno rilevanti.

Infine va detto che Redis dispone di diversi tipi di archiviazione di dati, tra cui stringhe, hash table, serie ordinate, ecc.; Memcached, invece, può solo memorizzare i dati nelle stringhe.

Ad ogni modo, per quanto Redis rispetto a Memcached risulti essere uno strumento più completo e performante, restano entrambi due soluzioni efficienti per velocizzare i siti web.

I vantaggi che IlTuoSpazioWeb ti offre

È vero, anche altre società di hosting consentono di utilizzare questi innovativi tool, ma a tal fine è necessario che il cliente disponga di un costoso server virtuale o dedicato.

Inoltre per l’installazione sono richieste conoscenze specifiche, per cui chi non ne è in possesso deve necessariamente richiedere un servizio di assistenza aggiuntiva.

Con IlTuoSpazioWeb, invece, Redis e Memcached risultano essere integrati nel cPanel, nel pieno rispetto di tutti i requisiti di sicurezza.

Infine, lo ribadiamo, questi tool, che sono finalizzati a velocizzare il caricamento dei siti web, sono già installati e il cliente non dovrà fare altro che attivarli in pochi click.

abilitare Redis da cPanel

 

Leggi anche:  Attacco del barboncino: Addio, SSL 3.0!
abilitare Memcached

Inizia oggi sottoscrivendo un nuovo piano di hosting o contatta il nostro team di vendita.

Successivamente puoi seguire le seguenti guide per abilitare Redis o Memcached:

Come configurare Redis nel cPanel

Come configurare Memcached nel cPanel

Se avete domande o bisogno di supporto non esitate a contattarci siamo pronti ad aiutarvi!

 

I commenti sono chiusi.

Ultime News

I domini .com potrebbero diventare più costosi

Acquistare un dominio .com nei prossimi mesi potrebbe risultare più dispendioso che in passato. Il costo di registrazione, infatti, per la prima volta nel corso degli ultimi…

Top