Blog

Abbiamo recentemente annunciato l’aggiunta di Redis e Memcached ai nostri piani di web hosting, due delle soluzioni più utilizzate per accelerare le query ai database attraverso la memorizzazione nella cache.

Oggi annunciamo l’introduzione un altro strumento per aumentare la velocità: LiteSpeed Cache.

LiteSpeed ​​Cache può aumentare notevolmente la velocità del tuo sito web e questo può avere un impatto significativo:

  • Un ranking migliore!

Ricordiamo che Google nel 2010 ha ufficializzato che la velocità di un sito web è fattore di ranking nella SERP.

  • User Experience

ovvero un’esperienza migliorare per l’utente che visita il tuo sito.

Una volta implementato LiteSpeed ​​Cache, il tuo sito funzionerà letteralmente alla velocità della luce. La performance è semplicemente mozzafiato!

LiteSpeed Cache e LiteSpeed Web Server

Cos’è la cache LiteSpeed?

LiteSpeed ​​Cache è uno strumento di memorizzazione cache della pagine, lato server.

Per capire esattamente di cosa si tratta, dovremo prima spiegare che cos’è il caching e perché aumenta la velocità.

Successivamente esamineremo cosa significa “cache-side” per la memorizzazione delle pagine nella cache e perché questo è molto più veloce rispetto alle soluzioni di caching a livello di applicazione.

Che cos’è il caching delle pagine?

Per capire cos’è la cache, potrebbe essere più semplice prendere come esempio un sito costruito con il noto sistema di gestione dei contenuti (CMSWordPress.

Ricordiamo ad ogni modo che lo stesso principio si applica a qualsiasi sistema di gestione dei contenuti (Joomla, Prestashop, ecc.).

Quando WordPress viene installato per la prima volta, dovrebbe funzionare abbastanza velocemente. Il punto è che nessuno usa WordPress Vanilla, ovvero il template (modello predefinito) di default.

Solitamente, infatti, si utilizzerà un tema personalizzato e si aggiungeranno anche un certo numero di plugin.

Ora il tuo sito è fantastico e grazie ai vari plugin aggiunti ha tutte le funzionalità di cui avevi bisogno. Tuttavia il sito si caricherà inevitabilmente un po’ più lentamente.

Perché succede?

Succede in parte perché ogni volta che qualcuno visita una pagina del tuo sito, tutto il codice PHP nel tuo tema e i plugin attivi devono essere eseguiti, al fine di creare l’output finale della pagina.

Se si dispone di molti plugin o di un tema o di un plugin non correttamente codificati, questo può causare un sovraccarico significativo dell’utilizzo delle risorse del server e di conseguenza un caricamento molto più lento.

Leggi anche:  Bilanci e riflessioni sul mercato dei domini web

Per ovviare a questo problema ci viene incontro il cosiddetto servizio di caching, che consente di velocizzare il caricamento delle pagine e di ottimizzare, di conseguenza, le prestazioni del sito web.

Ma come funziona questo servizio?

Sostanzialmente esso memorizza la pagina del sito e quando un visitatore desidera visualizzarla, non è necessario interrogare il server e il database del CMS per ricostruire l’intera pagina in modo dinamico, ma sarà sufficiente andarla a ripescare in memoria.

Il server, non essendo costretto a interpretare il codice con cui il sito è scritto, risponderà in maniera assai più veloce, migliorando in tal modo l’esperienza di navigazione degli internauti (User Experience).

Questa favolosa soluzione di caching a livello di server (LiteSpeed Web Server) viene offerta gratuitamente a tutti coloro che sottoscrivono un piano Hosting con IlTuoSpazioWeb.it.

L’utente non dovrà fare altro che attivare Lite Speed Cache dal proprio cPanel, facendo doppio click sull’apposita icona.

Per rendere ancora migliori le prestazioni del sito è possibile implementare un plugin Litespeed Cache per WordPress, il quale lavora sinergicamente con Litespeed attivo a livello di server: in questo modo, infatti, si ottimizza ulteriormente il codice del sito.

Link download: Litespeed Cache

Questo processo rende il caricamento molto più veloce, ma c’è un problema importante che deve essere affrontato: cosa succede quando il contenuto cambia?

Se stiamo memorizzando i contenuti nella cache, dobbiamo sapere quando i contenuti cambiano.

Ad esempio, se cambi un testo su una pagina o un prezzo di un prodotto, devi essere sicuro che quando i visitatori arrivano su quella pagina visualizzeranno il contenuto aggiornato piuttosto che “la vecchia pagina o il vecchio prezzo” precedentemente memorizzati nella cache.

Per garantire che ciò accada, le copie nella cache devono essere “sfrattate/cancellate” dalla cache nel momento in cui il contenuto viene aggiornato.

L’utente, in effetti, non deve preoccuparsi di nulla: quando andrà a modificare i dati all’interno dell’area admin di WordPress, il vecchio contenuto sarà automaticamente rimosso e si provvederà a memorizzare in cache la pagina correttamente aggiornata.

Che cos’è il caching della pagina “lato server”?

Ora dovresti avere una idea del concetto generale di cache.

Leggi anche:  Proteggi la tua installazione di wordpress

Se sei un utente WordPress, potresti aver utilizzato anche una o più soluzioni di plugin di cache, ma fino ad ora probabilmente queste saranno state tutte cache che “lavoravano” a livello di applicazione.

Va detto, infatti, che è possibile distinguere due tipologie di caching: una che lavora a livello applicativo e una che viene eseguita a livello di server.

Nel primo caso, quando un visitatore arriva sul sito, il server deve comunque interpretare il codice Php di WordPress, anche se poi la pagina verrà costruita dal servizio di caching a livello applicativo.

Le risorse impiegate saranno, dunque, dimezzate e il sito risulterà più veloce, ma  comunque sarà necessario eseguire il codice Php.

Ciò significa che se qualcuno visita un sito WordPress con un plugin per la cache implementato, il Php deve essere ancora eseguito.

Nel secondo caso, ovvero la soluzione di caching lato server (LiteSpeed Web Server), quest’ultimo non dovrà compiere nessuno “sforzo” interpretativo, come accade per il caching applicativo, ma dovrà semplicemente richiamare la pagina memorizzata e mostrarla al visitatore.

Con il caching delle pagine sul lato server, in altri termini, non è necessario eseguire alcun PHP.

Quando una richiesta di una pagina arriva in un ambiente con la cache lato server attivo, se il contenuto è memorizzato nella cache, viene passato direttamente al visitatore senza nemmeno caricare WordPress o eseguire il PHP.

In che modo il server Web sa che il contenuto di una pagina è stato aggiornato?

Allo stesso modo in cui una cache a livello di applicazione deve rimuovere le pagine dalla cache quando il contenuto cambia, lo stesso principio si applica anche la memorizzazione nella cache della pagina lato server.

Affinché ciò funzioni, è necessario installare un plugin o un’estensione nell’applicazione (wordpress) stessa che sappia come rimuovere correttamente il contenuto della pagina  memorizzato nella cache dalla cache lato server.

Esattamente come accade con il servizio caching a livello applicativo, dunque, la cache della pagina lato server LiteSpeed ​​può essere cancellata utilizzando un semplice plugin, progettato specificamente per funzionare con LiteSpeed ​​o un qualsiasi altro plugin sviluppato per una generica cache lato server.

Leggi anche:  IlTuoSpazioWeb 2013 arriva il nuovo restyling

Per WordPress, il caching è solo l’inizio.                   

WordPress è oggi il CMS più diffuso su Internet, con una popolarità superiore al 20% dei siti web.

Non c’è da meravigliarsi quindi che LiteSpeed ​​abbia impiegato un’enorme quantità di tempo a sviluppare l’integrazione con WordPress.

L’integrazione con WordPress è, semplicemente  mozzafiato.

Sono andati ben oltre le funzioni essenziali della memorizzazione nella cache delle pagine e dell’eliminazione della cache, ma hanno anche integrato una miriade di altre funzioni di ottimizzazione “on site”, tutte progettate per caricare i siti Web WordPress in maniera assai più rapida.

Tutte le funzionalità che hai sempre desiderato sono ora “ racchiuse” in una soluzione di ottimizzazione: unire CSS e Javascript, minimizzare il codice, sfruttare il supporto Push HTTP / 2 Server, ritardare il javascript, ottimizzare le immagini e molto altro ancora.

Una volta configurato, il tuo sito WordPress non sarà solo veloce grazie al caching, ma risulterà ottimizzato in termini di codice interno, aiutandoti a raggiungere più elevati punteggi di PageSpeed ​​e migliorando la SEO del sito stesso.

Ma di quanto sarà più veloce?

Molto più veloce!

In quasi tutti i casi, i tempi di risposta saranno inferiori al secondo e saranno facilmente ottenibili con la sola memorizzazione di base.

Con il plugin WordPress LiteSpeed Cache installato e correttamente configurato, è possibile caricare anche siti di dimensioni abbastanza grandi in meno di 500 ms.

Cogliamo l’occasione per ricodare che LiteSpeed ​​Cache funziona perfettamente insieme ai nostri servizi Redis o Memcached e può anche essere usato insieme a CloudFlare, consentendo di accelerare la velocità dei siti a livello internazionale.

Come posso iniziare?

LiteSpeed ​​Cache è disponibile come add-on su tutti i nostri piani di hosting.

Se sei già un cliente de IlTuoSpazioWeb con un piano che supporta LiteSpeed ​​Cache, fai clic sull’icona LiteSpeed ​​nel tuo cPanel per attivarlo.

Se non sei un nostro cliente e vuoi provare questo servizio saremo lieti di offrirti 15 giorni di prova gratuita.

Approfondimenti LiteSpeed Cache

 

I commenti sono chiusi.

Top